venerdì 7 ottobre 2016

La mia su Roma e il M5S

Premessa 1: ero molto indeciso se iniziare il post in maniera goliardica scrivendo le frasi care ai detrattori del movimento con il classico: "!!!1!!" oppure "kasta" ecc.

Premessa 2: non sono un feticista del movimento né un reazionario o anarchico. Sono un simpatizzante perché deluso, profondamente deluso dalla politica degli ultimi 20 e nomino solo questa fascia temporale perché prima non la seguivo.

Detto questo seguono le mie genuine (?) impressioni su quello che vedo e leggo sulla città che tanto amo da starmi allegramente su  quella zona anatomica[...]

Iniziamo col dire che Rutelli mi piaceva. Un tipo che all'epoca compariva su una rete privata (teleroma 56?) con un taccuino per parlare dei problemi di Roma e segnarsi su questo le segnalazioni dei cittadini come può non piacerti? Ma lo faceva anche Di Carlo, uno degli ultimi "comandanti" dell'atac che all'epoca, ne risollevò le sorti (mo senza sminuire il lavoro di chi non c'è più ma rimettere un po' a posto una azienda che praticamente regalava abbonamenti che per altro costavano pochissimo, a tutti, le multe erano ridicole e soprattutto i controllori erano più una leggenda metropolitana che altro ci vuole poco).
Ho amato Veltroni perché sotto di lui si parlava in tutta Italia di "modello Roma" e di come ne aveva fatto un traino per l'economia con grande invidia dei Milanesi che conoscevo e mi aveva fatto capire che Rutelli tutto sto granché non lo aveva poi fatto.

Arrivò il turno di Alemanno, mai piaciuto: il tempo ed i fatti mi diedero purtroppo ragione anche se poi è uscì fuori il sistema Romeo e il suo Romeo Gestioni, le inchieste di Report sui palazzinari romani e di come a tutti gli effetti hanno stuprato la città a colpi di cemento da nord a sud e tante altre cose che mi hanno messo la stima per Veltroni all'altezza delle suole delle scarpe.
Poi giunse Marino che giocava col vantaggio: dopo l'amministrazione Alemanno era come giocare con 5 gol di vantaggio e la squadra avversaria coi migliori uomini azzoppati e invece no: davanti a piccole cose (voler cacciare certi poteri forti ad esempio da ACEA) mi aveva dato fiducia per quest'uomo che però aveva un ché di lavorare tanto sulla facciata e poi anche lui è finito nel secchio dell'umido.
Davanti a questa situazione che fare? Non sono un tipo, a differenza di persone che conosco, che per una sorta di coerenza o fedeltà continuano a votare per lo stesso partito che ha fatto casini (almeno ufficialmente, poi dove mettano la X in cabina lo sanno solo loro) ma anzi penso che l'autocritica e il cambio di idea sia sano. OH!! sia chiaro: cambio di idea! non voltafaccia! La differenza non è manco tanto sottile visto che il primo significa "scusa ma ho cambiato idea" e il secondo è "chi offre di più"? Questo perché se siamo in questa situazione è anche perché tanta gente s'è venduta per 300 euro di ici all'epoca che ora sono diventate 700 di imu (bravi, ve li sapete fare i conti in saccoccia eh?).
Scusate ho divagato: dicevo, che fare?
L'unica alternativa senza farla tanto lunga era il M5S perché sono gli unici che non hanno detto le stesse puttanate che da anni i politici degli altri partiti mi propinano a rotazione nel periodo pre elettorale per poi scordarsele subito dopo. Aggiungiamo che questo accanimento verso qualsiasi cosa facciano o soprattutto sbaglino è sospetta, nel senso che al momento di indagati per mazzette non mi pare risultino. Fanno un casino per la Muraro mentre dimenticano bellamente le decine di condannati che contano tra le loro fila. Anche qui parte un altro "OH!": la Muraro non è ufficialmente indagata, anzi il M5S ha detto chiaramente che se la indagano leva le tende come qualsiasi altra persona nel movimento. L'accanimento anche dei giornali verso questa vicenda invece "mi sembra" morbosa. Ovviamente è ironico perché è chiaro che si punti il dito verso qualsiasi comportamento e molte testate ad un tratto si ricordano giornalmente della situazione in cui grava la città facendo presente che la odierna giunta non faccia granché.
Anche il PD all'indomani della batosta post elettorale chiosava che sì, la Raggi aveva preso oltre il 60% delle preferenze ma erano andati in pochi a votare. Peccato si dimentichino che al governo non solo non li ha votati nessuno ma anzi si sono appropriati del ruolo di comando solo perché alle elezioni europee hanno preso il 45-46%. Adesso ditemi che c'entra....

Di situazioni anomale e dei motivi che causano questi comportamenti al limite del fascista di cui è sempre stato tacciato il movimento ma che poi guarda caso ne viene vessato (ma voi opposizioni non eravate migliori?) ci si potrebbe andare avanti per giorni e la mia tastiera fa schifo e tutta sta voglia di scrivere non ne ho anche perché vado a mente e più scrivo più sono a rischio di precisinate da parte del solito sconosciuto, perdigiorno che non trova meglio da fare che attaccare chi non la pensa come lui.
Questa è una parte dei motivi, vuoi per "costrizione", vuoi per simpatia ispirata da questa caccia alle streghe alla fino ho dato il mio voto a questi cittadini come si definiscono loro che anche se non sono d'accordo con tutto ciò che dicono mi ispirano fiducia su alcuni punti che ritengo siano fondamentali.
Poi se prima o poi uscirà fuori da chissà dove il "Papa Francesco" della politica che mi farà cambiare idea allora....

Nessun commento: