martedì 8 maggio 2007

ancora sulla vita da Sim

non volevo toccare l'argomento in maniera tanto personale ,nel senso di volerci schiaffare dentro pezzi di vita in tempo reale ma mi sembra giusto un approfondimento.
Non tanto come scusa per sfogarsi anche se sotto sotto c'è ,ma come scusa per farne una analisi con la manco tanto nascosta speranza che qualcuno tra voi che ha la pazienza di ascoltare le mie elucubrazioni soporifere possa aggiungere qualcosa e magari darmi un punto di vista diverso ,non dico subito ma quando volete e ve la sentite ,senza problemi.
il blog è qui e a parte gli spammer non ho mai cancellato nessuno.
Come avete letto due post fa ,dicevo di vivere una vita alla sim; ebbene spesso mi sento così,non per vittimismo ma perchè se devo notare le differenze rispetto a quando ero bambino mi pare che poco sia cambiato , a volte senza accorgermente urlo per attirare l'attenzione perchè pare che nessuno mi ascolti. Ve ne accorgete subito ,nel momento in cui faccio mente locale divento di un bel color rosso san marzano che fa pandan con la mia pelata D.O.C.
Ebbene spesso ricevo dei consigli. Neanche a farlo apposta sulle ragazze ,su come conquistarle come trattarle e come comportarmi. Molti mi piacciono ,mi sembrano l'idea che non mi veniva in mente ,altri invece no. Ho un grande rispetto per chi ho davanti ,o almeno ci provo ,seriamente. lo stesso per il sesso femminile ,sarà per questo che non riesco a rimorchiare come fanno tutti e sarà per questo che quando ci riesco non me ne accorgo mai e "la preda" scappa verso altri lidi. E' in questi momenti che ricevo le lavate di capo da chi mi da i consigli perchè non ho seguito alla lettera le loro direttive che sostanzialmente in un modo o nell'altro prevedono lo zompargli addosso anche se nel senso generale del termine. Io non sono così,datemi del cinico e freddamente razionale ma mi piace sapere chi ho davanti , mi piace parlarci e condividere assieme esperienze ,sia un panino al mc donald o una mostra d'arte come una passeggiata al centro di roma prendendo in giro questo o quel monumento o opera storica che dopo tanti anni che ci passo avanti ai miei occhi assume un aspetto differente da quello con cui la guarda il turista. Mi piace essere complice come mi piace guardare negli occhi la ragazza con cui sono uscito. Mi piace da matti starmene seduto in un posto tranquillo senza rompicoglioni che siano venditori di rose ,straccioni ,saltimbanchi o semplicemente il traffico che ti spacca le orecchie mentre si parla e ci si conosce e semplicemente ci si guarda negli occhi. Ecco perchè amo la primavera e l'estate.
E invece no (e immaginate come sottofondo musicale in questo momento la puntina di un giradischi che salta rigando tutto il disco con il suo caratteristico rumore)... La verità è che è una guerra ,me l'hanno sempre prospettata così. Ci esci e i consigli sono :" non devi scoprirti,devi essere affascinante e misterioso,portala in giro e falla divertire" ma soprattutto .... "PROVACI" . Prima uscita e quasi sempre capita che la tipa di turno se non ci provi ti sbatte in faccia la porta la volta dopo. Allora io mi chiedo: sono sfasato io? Ho dei tempi totalmente fuori dalla grazia di dio e sbaglio a non volermi uniformare ai consigli che sembrano più corsi di aggiornamento di guerriglia da rimorchio? Ho sempre sentito ragazze che volevano quello :tranquillo ,che ascoltava,le rispettava sia nei tempi che nei sentimenti ,che avesse un certo gusto ( ok ,lo ammetto :le frasche di ariccia non sono il massimo ,ma anche io ho i miei lati oscuri) e invece mi ritrovo che se non ci provi alla prima botta sei "out"? Insomma sbaglio a non considerarle come un oggetto? No ,io mi rifiuto (mica per altro ,altrimenti rimane solo una parola per descrivere il mio stato).
Qualcuno mi ha pure detto "le storie a volte nascono per sesso ,poi evolvono". Ok ,ma se era solo per sesso non è meglio una professionista del settore? Salti pure i convenevoli e il tempo di dartela è solo legato a quanto in fretta apre la porta di casa sua dopo che hai suonato.
Qualcuno mi ha dato del maturo ,mi ha guardato con la faccia stupita e mi ha detto che non mi riconosceva per come ho trattato fermamente una questione con una persona a me molto cara che è andata come è andata. Lui mi ha dato del maturo ,ma sarà solo che alla mia età sono diventato intollerante all'orchite ?Anche perchè ho scoperto che peggio del due di picche quando un po' ci credi c'è il "NI" che è qualcosa di massacrante perchè è angosciante e ti fai un numero spropositato di pippe mentali.

Adesso ,in cuor vostro,con la massima sincerità e senza alcun problema (peggio che ferirmi l' orgoglio non potete fare ,anzi.E appena ve becco ve scrocchio come un taralluccio secco :P ) ditemi come la pensate e se sbaglio o se avete qualche idea aggiuntiva.

3 commenti:

PTT ha detto...

Io dico che sei grande abbastanza da pensare con la tua testa (e lo fai, fin troppo!) e decidere di non agire cone un burattino (o Sim, come lo chiami tu in maniera evoluta). In effetti hai scritto che a volte segui i consigli che ti sembrano sensati, altre volte li rifiuti. Direi che un po' tutti facciamo così.
Come persona adulta hai certi principi che a mio avviso meritano rispetto (in primis la volontà di stare con una ragazza per la sua totalità, non solo per il corpo, come invece fanno le persone superficiali) e li porti sempre avanti, dimostrando coerenza e (come ti hanno già detto) maturità.
Di persone (e ragazze) ne hai conosciute, hai avuto modo di relazionarti con tanta gente eppure ti sembra di commettere sempre gli stessi errori... ci pensi e ci ripensi ma non ne vieni a capo. E la volta successiva succede di nuovo: un nulla di fatto.
Sinceramente non so dirti perchè...
Forse incontri solo persone superficiali che non sono disposte a intrecciare rapporti veri e sinceri; forse il tuo modo di porti 'impone' la tua visione di rapporto, che potrebbe risultare 'coercitivo' agli altri (tradotto: tu ti 'presenti' come persona seria e pretendi altrettanto dagli altri stabilendo fin da subito un livello di relazione impegnativo, cosa che non tutti sono disposti a concedere già in partenza); forse ti concentri troppo sul tentativo di far funzionare le cose, analizzi troppo ogni situazione, ogni discorso, ogni silenzio a discapito della naturalità e semplicità dello stare con qualcuno; forse il tuo atteggiamento ha qualcosa di non coinvolgente che induce le persone a rimanere a distanza, a non sentire il bisogno di approfondire la tua conoscenza.
Ma ognuno è fatto a suo modo quindi se anche fosse così non puoi certo 'cambiarti testa' per piacere agli altri! Non sarebbe nemmeno giusto! Probabilmente devi solo accettarti coi tuoi pregi e i tuoi limiti, a quel punto smetterai di farti le pippe mentali e la gente lo avvertirà a pelle, e la strada non dico che sarà in discesa ma almeno in piano.... :-)

Anonimo ha detto...

Sono daccordo con ptt.
Basta pippe mentali. Accettati così come sei (per questo compi sempre gli stessi "errori"). Dopo di che sarai più sicuro di te stesso e la vita sarà sempre più bella!
Un sorriso
La sorellona :)

Guinness ha detto...

I "NI" prendili come no, così se dovessero trasformarsi in "no" non saresti sorpreso, se si trasformano in "sì" sarebbe un bell'andare.
Sul resto, sappi che se esistono delle persone a cui vai bene così, esistono anche delle ragazze che saranno interessate a te. Basta che non parti subito con l'idea del matrimonio!!! :-PPP