domenica 28 settembre 2014

domenica 3 agosto 2014

Fisime di una mente che vuol essere piccola piccola

Capita che nella vita non ti sei mai sentito un granché. Sarà perché... no, sarà che ci sono un milione di motivi ma nulla. Tu quella cazzo di fiducia non ce l'hai e anche quando ti laurei a costo di grandi sacrifici non solo tuoi, non ti senti di pensarci con la stessa faccia con cui i calciatori dell'Italia dell'82 ancora si guardano la loro coppa del mondo.
Ti senti sempre inadeguato e hai paura, terribilmente paura che esca fuori uno che ti dica: non te lo meriti!  Non te lo dici ma lo temi.  Non lo pensi ma ogni volta che parli con qualcuno lo aspetti al varco e ti dici "eccolo che ora lo dice.... non ora ma.. adesso!  No ma ora sì!" E così via in una pippa mentale infinita.
Capita che una cosa finisca proprio mentre ne inizia un altra. Sembra quasi uno scambio: una cosa importante, e bellissima,  in cambio di un altra e ti senti giù. Metabolizzi piano e lo fai come un pranzo non digerito che la mattina dopo hai lo stomaco vuoto ma non hai fame. Senti che la cosa nuova non te la meriti perché gente più preparata di te quest'occasione non l'ha avuta. Hai paura a dirlo e al solito te ne vergogni dimenticando che tanti altri uomini importanti hanno avuto la loro occasione per caso e guarda un po', per botta di culo ma tu, l'omino delle pippe mentali, stai tranquillo?  Ovvio che no! Aspetti sempre al varco quello che ti dice che tu lì centri come il sale in un caffè ristretto. E hai paura e ne parli cogli amici. Con la persona a cui vuoi più bene e anche lì aspetti che ti dicano che sei un bambinone troppo cresciuto e per mettere le mani avanti lo dici tu per primo. Che poi tutti ti spronano a non mollare che ci son passati tutti e poi la strada è in discesa. Ma tu no niente non ascolti e non ci credi. Ti boicotti e rischi di sprecare una ottima occasione.  E poi nulla. In questi ultimi giorni vai sulle montagne russe con momenti che al mondo gli dici che gli spacchi il culo senza vasellina e altri in cui dici al mondo che suvvia si scherzava. Non dicevi sul serio. In fondo non me lo merito. E poi le persone che continuano a dirti di smetterla perché vali e tu che continui a fare "lalalà non sento!" E poi capisci che è come matrix. È inevitabile o meglio se vuoi la tuoi vita ti tocca e non è come avevi sempre progettato nei castelli in aria ma quell'architetto avevi deciso già da un pezzo di sfancularlo. E così ti dici:" umiltà, serietà e bucio di culo che non fa rima ma è vero che la vita non ha musiche di sottofondo fighe, non ha pose su campanili alla batman e le uniche medaglie che t'appuntano sul petto te le guadagni perseguendo i tuoi obiettivi. C'ho paura e ce l'avrò anche domani e dopodomani. Non so come andrà ma saprò dove sarò: a fare il mio dovere. E cazzo, questo stavolta me lo prometto!

venerdì 11 luglio 2014

la deprimente situazione odierna

Una cosa scontata come l'acqua ma che vuoi per malafede o vuoi per... non lo so, mi viene sempre in mente la malafede,  è la mancanza di responsabilità effettiva che si trova tra i dirigenti dei vari uffici ministeriali o non, legati in maniera più o meno diretta alle varie amministrazioni italiane.

martedì 8 luglio 2014

Ciao Giorgio

Non ne ho mai fatto mistero che proprio on capisco chi ama gli anni '80. Li ho sempre trovati "squadrati", freddi e insipidi anche se forse i miei drammi familiari me li hanno fatti vedere dalla luce sbagliata.
Una delle poche cose che ho sempre salvato e tenuto nel cuore era il drive in, topolino e i cartoni sui robottoni.
E del drive in tra i miei personaggi preferiti c'era sicuramente lui:


che coi suoi personaggi mi faceva ridere e quante volte ho ripetuto

"porc'il mondo che c'ho sotto i piedi!"

Ci sono rimasto male. Se ne è andato un altro personaggio che come Andrea Brambilla faceva parte del mio immaginario di eroi comici che tanto mi facevano ridere.



Di Faletti in realtà avevo perso le tracce, non ho mai letto nulla di lui come scrittore perché me lo riservavo più in là. Però sapevo che era un anima mai doma, in una finta intervista marzulliana Crozza lo intervistò facendo la lista di tutto quello che aveva fatto e rimasi stupito: aveva fatto tante cose che poi gli riuscivano pure: pilota di rally, cantante, comico, scrittore e così via. Ha fatto una vita piena e mi spiace un po' di non aver scoperto la poliedricità di quest'uomo in tempo.

sabato 3 maggio 2014

Si chiude un anello

Dopo alcune esperienze a vent'anni mi sono convinto che le fasi della vita sono come degli anelli. Partono da un punto per poi richiudersi su se stessi non lasciandoci altro che l'esperienza che è una maglia, o anello, della catena che chiamiamo vita e che si spera, alla fine della stessa non serva per tirare lo sciacquone che ci risucchierà via ma anzi serva a qualcosa di utile per le generazioni future.
Questo argomento mai avrei pensato di usarlo come introduzione per una cosa più seria di cui sognavo di parlare da tanto tempo e che finalmente mi appresto a fare.[...]

venerdì 4 aprile 2014

Recensioni fuori tempo massimo: Rush ovvero un tuffo negli sbrilluccicosi anni '70

Dopo un po' di assenza in cui spiegherò il perché prossimanete (vedi se mi riesce il prossimo post) torno a recensire film che oramai sono quasi stati dimenticati come questo Rush diretto da Ron Howard.

Pellicola che in verità mi interessava poco al debutto al cinema perché di formula uno a casa mia se ne è sempre parlato poco, molto poco e in più i fatti riguardano proprio l'anno in cui sono nato senza contare che la storia è già nota quindi nessun colpo di scena. eppure [...]

martedì 25 febbraio 2014

C'è il sole, prendo l'ombrello

Il meteo, sia per passione sia per paura di non sapere cosa ci aspetta è diventato sempre più importante e imprescindibile dalla nostra vita. Tutti i giorni controlliamo cosa ci spetti nelle ore seguenti o nei giorni successivi sperando che il tempo ci azzecchi [...]

giovedì 13 febbraio 2014

la differenziata a Roma

Il problema dei rifiuti a Roma è simile a quello di Napoli. Entrambe le città sono bene o male perennemente in emergenza e se qui non si sono raggiunti gli stessi livelli di spazzatura in giro e roghi tossici si deve solo al fatto che qui c'avevamo Cerroni.

evviva.....


Questo distinto signore che si è sempre auto definito "un benefattore per la città di Roma" è finito prima sotto l'occhio impiccione di report e poi sotto quello "giustizialista" (a sentire chi dovrebbe stare in galera ma ci si oppone con gambe, braccia e miliardi) della procura della repubblica.[...]

lunedì 20 gennaio 2014

Recensioni fuori tempo massimo: Oblivion

Dopo un bel po' di tempo che l'ho visto eccomi qui a parlarvi di una delle ultime fatiche dell'ultracinquantenne Tommy con la passione per le sette che fanno robe assurde.
Ma a parte la"brillante" vita privata, come attore in questo film e soprattutto questo film, come sono?[...]




l'angolo del diversamente musicista - gennaio '14

A parte che fa strano scrivere "gennaio '14" eccomi a riprendere questa rubrichetta trascurata per un po' di tempo.
Oggi vi stupirò un pochino perché ho deciso di mostrarvi delle musiche un po' differenti dal mio solito. Roba che potrei stanare persino i lurker appassionati di musica![...]
 

venerdì 27 dicembre 2013

cose dimenticate e proprietà sconosciute

Era da un po' che questo post mi girava per la testa ma come al solito.... sì come al solito eccomi qui a partorirlo con mesi di ritardo!
Quindi bando alle ciance e cominciamo!
Oggi vi introduco un argomento che reputo molto interessante. Voglio parlarvi di quelle cose che si usavano molto una volta e che ora quasi non ci si pensa più o che io associavo alla povertà o ai miei nonni e a tradizioni antiche e consolidate.[...]

mercoledì 25 dicembre 2013

Programmi di natale

Siccome che oramai c'ho una età e direi che di esperienze ne ho fatte. posso dire con sicurezza che oramai ho maturato quella voglia di crearmi quelle tradizioni, un po' nostalgiche e un po' rilassanti che da un po' accompagnano anche la celebrazione di questo periodo.[...]

auguri!!!


approfitto per rompere il ghiaccio per scrivere un po' augurando a tutte e tutti di passare un sereno natale anche se questo per lo più non è possibile (vedi parentame o situazione economica demerda®).
però fosse mai che almeno nella vita di tutti i giorni si possa respirare una aria differente e migliore.
auguri!!!

Blubbo

lunedì 18 novembre 2013

la maledizione dell'espresso

Di come si faccia un buon caffè seguendo le 5 finte regole napoletane ne ho già parlato anni fa (come passa il tempo) qui.
Ma anche i Blubbi si evolvono e dopo aver provato per un po' di mesi, in un altra casa, la macchina nespresso mi sono innamorato nel giro di qualche mese di questo sistema. Allora molti di voi diranno: "allora ti sei fatto la nespresso?"
e bravo Giorgetto

E la risposta non può essere altra che "ma hai visto quanto costa? e le cialde? hai dimenticato che sono pulciaro?" Ecco. [...]

domenica 27 ottobre 2013

l'angolo del diversamente musicista ottobre edition

visto che era da un po' che non mettevo un po' di musica (che in un paese serio come l'italia non si sentirebbero maHAHAHAHAHAHAHAHAHi), eccomi a farvi notare i gruppi/ musicisti/ urlatori folli che ascolto ultimamente ma che voi amanti di x-factor della musica seria sicuramente non apprezzerete perché troppo superficiali e semplicistici.[...]