domenica 2 aprile 2006

La donna perfetta

Film parodia e remake di uno ben più vecchio e d'orrore.
Battute carine e attuali ,cast di tutto rispetto anche se tempi di regia che potevano essere fatti meglio e un montaggio un po' coi piedi,soprattutto nel finale che pare fatto di corsa (problemi di budget?).

In soldoni il film parla di una sfolgorante Nicole Kidmann che furoreggia in televisione ma a causa di un reality ammazzacoppie di sua creazione che gli torna indietro come un boomerang finisce senza lavoro e distrutta psicologicamente.
Cambia casa e cambia vita e si ritrova in una cittadina linda e pinta dove tutte le donne sono femminili come manco il galateo si sognerebbe minimamente mentre il marito innamorato inizia ad ambientarsi e a trovarsi a suo agio
.
Lei si scontra con queste idee e poi cerca di farle sue fino a che strani eventi non le fanno scoprire una verità che mai si sarebbe aspettata e cosi via fino al romantico ,un po' sdolcinato ma sostanzialmente meditativo finale politicaly/philosophy correct.

Di critiche giuste e sbagliate nel film ne vengono mosse parecchie e c'è parecchio da riflettere sulla condizione uomo/donna ,anche se mi pare che tutto il discorso si regga sull'egoismo delle persone:ognuno vuole essere amato però alle sue condizioni e regole.
L'amore si da,l'amore si chiede,ma allora cosa è l'amore? Un sentimento che non ha sinonimi se non la parola stessa che gli da il nome oppure è una scusa per giustificare il possesso e le proprie frustrazioni verso il partner?

2 commenti:

Paolopaoli ha detto...

E' un po' tutto. Io preferisco darlo.

Paolopaoli ha detto...

Cmq il film non mi aveva entusiasmato.