domenica 17 febbraio 2008

Cloverfield

Visto ieri sera devo riconoscergli almeno un merito: è il primo film da tanti anni a questa parte che fa stare zitti anche i facinorosi della chiacchiera in sala.
Il film calamita abbastanza anche se in alcuni punti l'ho trovato un po' troppo fantasioso,ma che ci volete fare? quando uno è aspirante ingegnere.... tutto pare finto fuorché la realtà...
Attenzione :
da adesso racconto un po' di trama ,chi non vuole sapere nulla di nulla si fermi qui e sappia solo che l'assassino è il maggiordomo :P

Il film è una immensa ripresa amatoriale:comincia con la preparazione di una festa mischiata a spezzoni di vita vissuta di qualche protagonista.Un ragazzo va' a vivere in giappone e gli viene organizzata una festa a sorpresa .Festa per la cronaca venuta 'na chiavica. Dopo mezzanotte un grande boato e un terremoto: la fine ha inizio.
Il film sostanzialmente è la cronaca di un gruppetto di ragazzi abbastanza sfigati che si trovano sempre al posto sbagliato al momento sbagliato. Le riprese sono fatte alla blair whitch project che a sua volta copiò il modus operandi da cannibal holocaust di deodato,quindi si cerca di dare una parvenza di realtà facendo passare il tutto come un filmato amatoriale di uno dei ragazzi che doveva riprendere la festa e si ritrova a filmare una avventura drammatica che vive in prima persona.
Il film in generale è fatto bene ,un po' di ingenuità senza le quali il film non sarebbe potuto esistere (come faceva notare Guzzano ) come ad esempio la videocamera da 3000 funzioni e con la batteria inesauribile ,per non parlare della SD con una memoria assurda ,il cellulare di uno dei protagonisti che lo frega solo la batteria scarica e nonostante mezza isola devastata e tutti che scappano prende sempre la linea o la incredibile robustezza dei personaggi: nonostante siano morsi ,feriti sanguinanti e ad un passo della tomba corrono ,sgambettano e menano (come fabbri).
Vinceranno? come andrà a finire? beh vedetelo e saprete tutto. Quelli che a metà film se ne sono andati ieri sera se lo faranno raccontare (se penso che ci sono andato con una amica che lo voleva vedere per la seconda volta...)

2 commenti:

Lago ha detto...

Uh, se somiglia (anche un po') al grande Cannibal Holocaust lo DEVO vedere!
Comunque anche questo film (così come The Blair Witch Project) dovrebbe far riflettere sulla grandezza di CH.

Antonio

Giulio GMDB© ha detto...

Odio i film con le riprese fatte da uno che sembra che abbia il Parkinson... E comunque mi era bastato a suo tempo The Blair Witch Project.