domenica 21 ottobre 2012

ve l'avevo detto che mi ero kindlerizzato? no...?

La tavoletta made in amazon ce l'ho da maggio. Ho pensato diverse volte:"ora scrivo qualcosa sul blog. Dai scrivi qualcosa sul blog! e che aspetti!? dai cazzoooooooooooooooooooooo!!!"
Poi i soliti idioti sono passati di moda e mi è mancato il "daicazzo" incentivatore.
"Gianluca! Non vorrai mica fartela pure tu quella tavoletta da invertito?!"

Ora chi mi conosce sente già quel brividino del cavolo sulla schiena; ti pare che Blubbo descriva una cosa semplice in tre parole? Ossia: me so fatto er kindle, funziona/non funziona, figata mondiale/la busta più busta che la storia ricordi? [...]



No, perché il kindle non era quello che volevo farmi inizialmente ( così imparate a non dare retta ai brividi premonitori alla schiena; però controllatevi la febbre, fosse mai).
Inizialmente volevo farmi il sony prs-t1.
non è rosa, è rosso fluo metallico

Come tutti i nerdoni all'epoca, ossia dicembre 2011, non volevo comprarlo qui in italia perché costava un bel po'. Ecco che allora mi sono rivolto a consegnato.com . La filosofia di consegnato è facile, anzi era: ti diamo un indirizzo americano dove spedire la merce che compri in america on line e noi la inviamo tutta assieme tramite volo cargo in italia e te la spediamo a casa tua direttamente. Tutti i balzelli, tasse dogane e smazzamenti vari sono compresi nel prezzo di spedizione. Prezzo ridicolo! si andava praticamente a kg e per 1 kg di merce si pagava 27 euro circa. Servizio che da oltre tre anni funzionava benissimo ed un sacco di gente era felice sia per aver risparmiato sia per essere invidiata al baretto virtuale sotto casa per aver fatto il colpaccio. Peccato che proprio quando ho fatto l'acquisto io la dogana inglese, il posto dove venivano smerciati per l'europa i pacchi provenienti dall'america, abbia mangiato la foglia (perché in verità, consegnato,  agiva illegalmente dichiarando il falso alla dogana) e abbia sequestrato il carico. Tutto quello che ne è seguito oramai non so più se è legenda oppure realtà: so solo che non vedrò mai il mio ebook reader che pare sia stato sequestrato assieme a tutta l'altra merce e dal gruppo facebook che fu creato pare che c'è stato pure chi ha perso migliaia di euro.
Tralasciando il discorso, etico, morale e mariuolo, anche di diversi utenti facebook che mi hanno dato veramente il disgusto, preso dallo sconforto e dalla voglia di dimenticare l'accaduto decisi per l'acquisto del kindle touch. Anche qui le cose non andarono liscissime con il corriere TNT e dovetti andare io a prenderlo al loro magazzino a roma ( per fortuna non era lontanissimo).
Arrivato a casa e tolto dalla custodia entrai così nel mondo kindle. un mondo interessante ma un po' troppo "chiuso" per i miei gusti: infatti puoi accedere solo ai servizi che dicono loro. Certo puoi caricare i documenti che vuoi tu attraverso una operazione un po' macchinosa ( te lo invii ad una mail che ti fanno creare su amazon e poi da questa il documento ( i libri non loro li chiamano così) ti viene spedito sul dispositivo. Cosa che non mi ha preoccupato troppo perché in mio soccorso e di tutti gli utenti che stanno come me c'è quel software meravigliosamente meraviglioso che è calibre. Questo software non solo converte praticamente qualsiasi formato letterario in quello che più vi piace ( ad esempio da pdf o epub in mobi, il formato amazon), ma permette un collegamento diretto con il dispositivo tramite wi-fi saltando a più pari tutto il discorso della mail. Infine cosa che solo ultimamente sto provando e trovo utile, una funzione che trasforma tutte le notizie di un sito in un libro digitale da leggersi tranquillamente sul proprio lettore. Quali sono questi siti? C'è tutta la lista in calibre, sono veramente migliaia di qualsiasi lingua e sono aggiornati continuamente.
tesssssssoro!!!

Ma ora passiamo alla recensione spicciola del lettore: vale la pena? Perché dovrei lasciare i libri, la carta ecc ecc? Anche io ero profondamente scettico ma la verità è che di questa tavoletta ce se ne innamora abbastanza in fretta. Non parlo solo della portabilità di migliaia di volumi tutti assieme, delle funzioni audio-book ed mp3 per la musica che tra l'altro ancora non ho provato, ma della possibilità di poter consultare direttamente il dizionario integrato per leggere il significato di una parola che non si conosce, poter evidenziare passi più o meno lunghi con l'aggiunta di note personali e condivisioni su facebook o twitter se siete connessi. La qualità di lettura è alta e l'inchiostro elettronico stanca nella lettura esattamente come stancherebbe un normale libro di carta stampata e si legge sotto il sole praticamente allo stesso modo.
di contro, e qui faccio la solita polemica, sento tanta gente che si lamenta che navigarci su internet fa schifo! Questo è un e-book reader, non un tablet quindi serve solo ed esclusivamente a leggerci i libri o al massimo documenti, non a navigarci su youtube o simili. Quindi se cercate qualcosa di simile rivolgetevi a qualcosa di differente. E non venitemi a parlare dell'ipad 3.
Qualsiasi altra illazione è menzoniera e spacciata per vera ed attendibile dalla lobby dei venditori di segnalibri che con i libri elettronici fanno la fame.

2 commenti:

Giulio GMDB© ha detto...

Come e-reader ovviamente il Kindle batte tutti perchè è fatto proprio unicamente ed espressamente per fare quello e lo fa bene. Peccato non poterci passare su i vecchi libri cartacei (come si fa con i CD che si rippano in MP3)

Andrea Blubbo ha detto...

sì, anche se in parte si rimedia (strizzatad'occhiomariuola)